Chateau de Noisy, il castello abbandonato più misterioso del mondo

di Malvi Commenta

Lo Chateau de Noisy è uno dei castelli abbandonati più belli e misteriosi del mondo: dove si trova? A chi è appartenuto? Ecco tutte le informazioni utili...

Avete mai sentito nominare lo chateau de Noisy? Si tratta di un castello abbandonato che ancora oggi attira la curiosità di moltissime persone. Una struttura imponente e misteriosa che vale la pena visitare una volta nella vita. Si trova a Celles, in provincia di Namur, nel vicino Belgio.

Di antica tradizione, ancora oggi vanta leggende che lo hanno visto protagonista fin dai primi anni in cui è stato costruito. Lo Chateau de Noisy venne costruito nell’Ottocento dalla famiglia Liedekerke-Beaufort, ma negli anni i lavori di ristrutturazione e costruzione sono stati tantissimi, gli ultimi anche nei primi anni del Novecento. Fino al 1991, è stato usato come campo scuola estivo da parte delle ferrovie del Belgio.

 IL CASTELLO DELLE STREGHE: IL CASTELLO DI MOOSHAM

Si tratta di un luogo magico e bellissimo che vale la pena visitare. Durante la seconda guerra mondiale, il castello fu preso dai tedeschi e da quel momento la storia di questo bellissimo edificio è stata tutta un’altra. Abbandonato definitivamente nel 1991, lo Chateau de Noisy è diventato una delle mete più gettonate da turisti di tutto il mondo che arrivano in Belgio per ammirarne i resti.

  IL CASTELLO DELLA ROTTA, UN LUOGO INFESTATO DAI FANTASMI

Il castello, ormai rovinato (sono più di venticinque anni che nessuno ci mette le mani) ha mantenuto però quell’aspetto imperioso ma, complice l’abbandono, è anche diventato uno dei luoghi più misteriosi del mondo, bellissimo da fotografare e da scoprire. Una chicca assolutamente da vedere insomma, per chi ama il mistero e la natura.

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>